L’importanza di un piccolo gesto e che sia bello.

Mio post su Facebook scritto qualche giorno fa.

Sono stati giorni funesti, la tragedia Bartolucci ha toccato profondamente me e probabilmente molti altri a Ferrara e altrove.

Ma devo fare una premessa, il Blog sta cambiando, non ho più voglia di parlare di arte e cultura e basta, mi ci voglio mettere in mezzo anche io, mettere in mezzo un po’ di più. Quindi ho fatto aggiungere al Web Master la sezione “DIARIO” e la sezione “RACCONTI” e così sfogo la mia voglia e il mio bisogno di scrivere, che mi rasserena e mi rende completa.

Torno comunque al discorso che avevo iniziato, dopo la tragedia Bartolucci sono stata molto male e ho fatto un esperimento su FB:  ho lanciato un grido d’aiuto, ma non ha sortito più che qualche like.

Poi una persona inconsapevole della mia richiesta d’aiuto, una vicina di casa, mi ha fatto una sorpresa spontanea lasciandomi qualche giorno fa una cassetta di pere e susine davanti alla porta. Ecco, questo gesto mi ha migliorato la vita.

Mi ha donato una speranza, mi ha fatto pensare che anche ora che non ho più una famiglia, qualcuno, oltre ad alcuni cari amici, si ricorda di me.

E capisci l’importanza delle piccole cose, e chissà che se ci rivolgessimo più spesso verso gli altri in modo disinteressato forse potremmo vivere meglio.

Certo le attenzioni debbono essere reciproche, io a questa persona in altre occasioni ho fatto delle cortesie. Ma non è l’unica vicina o vicino con cui c’è un bel rapporto di scambio.

Infatti mi dispiace molto che dovrò lasciare questo condominio perché non posso più mantenere da sola una casa così grande. Pensavo di andare nella casa di mia nonna che è più piccolina. Ma fintanto che sono qua godiamoci quest’idillio condominiale, che non è da tutti.

E ricordiamoci che un bel gesto può cambiare la giornata di qualcuno.

Eugenia Neri

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *