Archivi tag: Alberto Amorelli

L’esordiente Sara vincente a Pisa.

Sara Suzzi.

Sara Suzzi.

La ferrarese Suzzi è arrivata prima con la poesia “Il gioco della vita”.

Sara Suzzi è una ferrarese doc, laureata in in Lingue Moderne, ha frequentato un corso per Animatore Sociale e da due anni coltiva il desiderio di scrivere. Come molti a cominciato nel modo più classico che il diario, ma non contenta di scrivere solo per se stessa, l’inverno scorso ha frequentato un Corso di scrittura creativa tenuto da Alberto Amorelli all’Associazione Arci “Pietre Alate” di Ferrara.

Continua a leggere

Gruppo del Tasso: la letteratura va in TV.

foto

Da sinistra Matteo Pazzi, Riccardo Corazza, Alberto Amorelli e Matteo Bianchi

Era fine agosto, inizio settembre, e avevo ricevuto una e-mail dalla Feltrinelli di via Garibaldi a Ferrara, per una serie di letture su Bukowski, i lettori in questione erano il ‘Gruppo del Tasso’, Associazione culturale ferrarese, composta per lo più da giovani collaboratori di giornali e periodici, ma anche da scrittori, e vien da sé con grande amore per la lettura.

La cosa mi aveva incuriosito molto ed ero andata ad assistere, così è nata la mia amicizia con questi fantastici ragazzi, e ho scritto di loro e della serata in un Post dal titolo ‘Quando la lettura gioca a Basket’. Continua a leggere

Quando la lettura ”gioca a basket!” Alla Feltrinelli naturalmente!

Da sinistra Matteo Pazzi e Alberto Amorelli

Ordunque: La settimana scorsa stavo controllando la mail… E to guarda un evento de La Feltrinelli… La apro: Letture di Charles Bukowski! Perché no?

Prendo il cellulare e telefono subito a Erika la Direttrice, mi spiega che sono un’Associazione Culturale denominata Gruppo del Tasso e/o Compagnia del Libro e con estrema gentilezza mi fornisce il nome e numero di Alberto Amorelli, Presidente dell’Associazione, per un primo contatto di presentazione. Chiamo subito! Dall’altra parte trovo una persona giovane e fresca, di mente aperta e dalla voce squisita ben felice di accogliermi tra i suoi “ascoltatori” vado sola, perché sono più concentrata quando sono sola, recepisco meglio gli stimoli esterni che vanno diretti a cuore e cervello… Continua a leggere