“Bleisure” what else?

La sedia disegnata da Aldo Rossi nell’Headquarter Molteni.

Tempo fa ho scoperto la parola inglese “bleisure” che non è altro che la contrazione delle parole business e leisure, e che è anche in grande ascesa.

E così ho cercato di mettere all’attivo questa nuova moda. E l’ultima trasferta milanese è stata il top del bleisure, perché mi sono occupata dei rapporti con la Stampa per un Mostra in una Galleria e perché ho visitato Milano per turismo.

Ma faccio un passo indietro: ho aperto P.IVA con la dicitura Pubbliche Relazioni e Comunicazione, ciò significa che posso fatturare anche degli articoli come libera professionista e non solo fare attività di ufficio stampa.

Sono una freelance completa ora.

L’agenzia si chiama “Yellow Agency” ha sede legale a Ferrara, ma io se ne vale la pena mi sposto ovunque.

Con il grafico stiamo pesando al sito ecc, ed è tutto molto “Yellow” inteso come allegro.

Ma vi dicevo di quesi viaggi bleisure, l’ultimo è stato interessante, ma faticoso, però mi ha dato la possibilità di visitare la Galleria Lia Rumma e il Ventura District di Lambrate, sono anche andata in un’agenzia immobiliare per sentire la disponibilità per comprare un piccolo appartamento, l’altra volta ero andata dalle parti di via Savona in agenzia stavolta a Lambrate, diciamo che mi sto facendo un’idea di dove mi piacerebbe vivere.

Poi ho visitato Molteni, e perciò la foto della maxi sedia in scala 1:7 di Aldo Rossi. Esperienza molto suggestiva, di cui spero di poter parlare ancora.

E adesso? Adesso si riparte, domani sono sul treno per Milano per un appuntamento, in cui spero dall’anno scorso, e che potrebbe portare delle modifiche alla mia vita, forse anche la necessità di tornare a vivere all’ombra della Madonnina proprio per davvero.

Sarà anche questo un viaggio bleisure? Avrò anche il tempo di divertirmi?

Intanto subito dopo questo incontro vado a visitare un Home Gallery, che credo meriti sul serio.

Poi la sera c’è Enrico Bay alla Fondazione Giò Marconi, direi che meglio esserci che non esserci.

Alla fine sto pochi giorni, ma che potrebbero cambiare il corso del mio destino.

Vedremo…

Eugenia Neri

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *