Caravan of love. Un dolce ricordo.

 

Da sinistra Paul Heaton ed Eugenia Neri

Caravan of love. Un dolce ricordo, si proprio un dolce ricordo. Che nasce da un’idea di Enrico Maria Franceschini, ferrarese e grande esperto di musica, e “Il  Molo” nelle persone di Davide Franchini e Daniele Benetti, hanno invitato Paul Heaton a Ferrara. Allo Spazio Grisù: che per l’estate dedica il martedì alla Cultura Anglosassone. Paul Heaton salta sul Palco come nei ormai lontani anni ’80, sembra un ragazzino, ed è spettacolo. Grande spettacolo.

L’accompagna alla voce una bellissima e bravissima Jacqui Abbot, alla chitarra Jonny Wrong, al basso Chris Wise e alla batteria Pete Marshall, sono tutti divini e il Pop Britannico si fa sentire dando la pelle d’oca.

I Musicisti sono eccezionali: la seconda voce, la dolcissima Jacqui, mi ha perfino scritto la scaletta a mano autografata poi da tutto il Gruppo.

Il pubblico cantava e spintonava per riprendere e fotografare l’intero Gruppo.

Alla fine “Caravan of Love” ci ha ricordato la nostra infanzia cantata a “cappella” come ai vecchi tempi…. Un sogno.

Paul Heaton è stato letteralmente assalito dai fans, a fine concerto: si facevano autografare di tutto dai vinili, alle magliette ecc. E foto su foto.

Ci racconta che Ferrara e bellissima che spera di tornare in Italia, che solo la seconda volta che viene, la prima volta a Cesena e che oggi si è fatto un giro in bicicletta in Viale Po’.

Paul Heaton ha un Pub a Manchester, il King’s Arms, mi piacerebbe andare a trovarlo. Chi mi vorrebbe venire con me?

Anche il resto della Gruppo è fantastico!

Disponibilissimi, scherzano con il pubblico fino a tarda notte. Cantando a “cappella” la bella Jacqui con gli avventori dello Spazio Grisù, mangiando pizza e trovandola ottima. E le chitarre tutte Fender Stratocaster, ma Paul non ha dimenticato le sue armoniche che conserva in un gelosamente in cofanetto, e che non si è risparmiato di farcene sentire il suono durante il concerto.

Sono stati grandi e noi gli aspettiamo presto!

Eugenia Neri

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *