Giacomo Brini: quando l’artista ti rende protagonista!!!

Eugenia Neri fotografata da Giacomo Brini.

Era da un po’ che ‘covavo’ quest’idea dello shooting, e a dirla tutta capitava, talvolta, che qualche fotografo lanciasse la battuta di volermi come modella, a quarant’uno anni fa piacere, molto più che a venti, Giacomo Brini, però, l’ho scelto io, perché mi aveva già fotografato ‘all’Officina del Vintage’ e l’ho trovato bravo, capace di mettere a proprio agio.

In un momento di megalomania l’ho chiamato e gli ho chiesto se potevamo ‘lavorare’ ad una Pic Profile nuova, che non sarebbe altro che la foto del profilo su di un Social Network, così siamo riusciti a trovare un pomeriggio per fare degli scatti nel suo Studio presso Spazio Grisù, a Ferrara.

Quel lunedì mattina ero carica come Madonna al concerto del 1987 a Torino, e scrivevo sul mio Diario Facebook ‘Siete già caldi???’ con Matteo Milani, che si diverte a seguirmi nei miei giochi deliranti, che mi faceva il ‘verso’ rispondendomi con il video di Madonna di quel concerto passato agli annali della storia.

Poi parrucco, al centro commerciale ‘Il Castello’: capelli a spaghetto.

A casa a pranzo e scelta abiti e scarpe, apro l’armadio delirio di vestiti, di tutto e di più, indecisione totale, e li ho capito che cos’è il consumismo, specialmente quando ho scelto anche le scarpe e la bigiotteria. Ma sensi di colpa a parte, doveva essere una giornata di gioco, e così sarebbe stata.

Carico tutto in un trolley, che non si chiude quasi, borsone Ikea per le scarpe e Matteo mi accompagna da Giacomo, ovviamente, nonostante ci fossi già stata, non trovo l’ingresso…

Finché finalmente il fotografo ci viene ad aprire al portone di Via Ortigara 13 e tutti noi saliamo con a seguito valigiotto e mega-sachetto blu.

Entriamo nello Studio, è lungo, stretto e corredato di tutto.

Io ho un gran caldo, non capisco se l’emozione o la stufa accesa, fatto sta che il mio corpo risplende leggermente.

Capisco che in questo momento sembro voler ‘imitare’ le Fashion Blogger, ma la fotografia è arte e Giacomo è un artista, e quindi perché per una volta non sentirmi ulteriormente parte di un Post e di questa cosa stupenda che è l’arte???

Tornando a noi, apriamo il trolley e scegliamo il primo abito, nero in crepè, che scivola sul corpo. Giacomo mi consiglia una collana in legno… E si comincia!!!

Dire che ero imbarazzata è poco, mi sentivo grossa, grassa e buffa… Per non dire peggio.

Faticavo a sorridere, ero impacciata e statica, ma Giacomo che ha pazienza e professionalità. Mi suggeriva pose, mi incitava a sorridere, ogni foto era diversa, anche se con la stessa mise.

Questo fotografo ha veramente un sacco d’idee, mi ‘volteggiava’ intorno con la sua macchina fotografica e ogni scatto è stata una sorpresa anche per me.

Poi arriva Miriam, la sua assistente. Sara stata la presenza di una donna, ma mi  sono sciolta un po’, e comincio a diventare un po’ più partecipe e protagonista di questo progetto divertente.

D’altronde fa parte del desiderio di voler essere protagonisti, ci devi mettere anche la faccia e volendo anche il corpo.

Dopo due ore circa, e diversi cambi d’abito, ero ‘cotta’, ma felice.

Giacomo mi ha mostrato le foto in macchina e  mi sono sembrate veramente belle, c’erano fantasie di punti di colore, allegrie di pose divertenti, di abbinamenti inusuali degli abiti e degli accessori.

Ora non vedo l’ora di vederle più grandi. E di mostrarle con ‘orgoglio e vanità’ in rete.

E finalmente sono sono pronte!!!

Il risultato di questo simpatico pomeriggio è, oltre la Pic Profile che è sui vari Social da un po’ di tempo, molte altre immagini, tra cui ne ho selezionate due, che mi sono piaciute particolarmente, per questo Post.

Grazie Giacomo, Miriam e Matteo, che ha anch’egli partecipato anche con i suoi suggerimenti.

Eugenia Neri fotografata da Giacomo Brini.

 

https://www.facebook.com/GiacomoBriniPhotography?fref=ts

https://www.flickr.com/photos/giacomo-b/

 

Eugenia Neri.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *