Ciao Massimiliano Galliani, ciao!

Ciao Massimiliano Galliani, ciao! Ti scrivo per farti un saluto perché ti considero un amico e non solo un artista di cui ho scritto nel 2017 su Segnonline

Mi ricordo della bella serata in pizzeria con la tua famiglia e i tuoi amici a Reggio Emilia, e fu allora che imparai che era la città dove nacque il Tricolore italiano e ora questo tuo saluto così improvviso per me, e così ingiusto per tutti i tuoi cari.

Disegno a matita

Attraverso #11 autoritratto 2018 matita su carta Fabriano 60×42 cm.

Voglio ricordati come sei: un ragazzo semplice, talentuoso e gentile, una persona speciale per tutti quelli che hai incontrato.

Continua a leggere

Boldini e la Moda. Oppure: Boldini lo storyteller dell’aristocrazia europea.

Boldini e la Moda. Oppure: Boldini lo storyteller dell’aristocrazia europea. Boldini è la Moda è una mostra da vedere e rivedere, Boldini e la Moda, io l’ho vista tre volte, e questo ripercorrere le suggestive stanze di Palazzo dei Diamanti dove è allestita, serve assaporarla delicatamente, a gustarne i particolari a volte nascosti.

Boldini Giovanni

Giovanni Boldini Fuoco d’artificio, 1892-95 Olio su tela, cm 200 x 99,5 Ferrara, Museo Giovanni Boldini © Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, foto Luca Gavagna – le immagini

Ma chi era Giovanni Boldini, un’artista raffinato e un attento narratore, oggi si direbbe uno storyteller.

Boldini ferrarese di nascita, ma talmente capace da conquistare la Ville Lumiere e ritrarre molti e molte rappresentanti dell’aristocrazia europea e ancora conquistare la critica. Memorabile fu l’articolo che “Vogue” gli dedico nel 1931 titolando <<Giovanni Boldini. Pittore dell’Eleganza>> era in occasione della prima retrospettiva boldiniana, e il pittore era morto da pochi mesi.

Continua a leggere

Tintoretto | Un ribelle a Venezia.

Tintoretto. Un ribelle a Venezia. O forse si potrebbe dire anche “Un esperto marketer di se stesso e della sua stessa arte”. È stato definito in molti modi è questo è mio personalissimo modo di immaginarlo. È comunque Tintoretto.

Tintoretto poster

Locandina del documentario Tintoretto. Un ribelle a Venezia.

È stato definito in molti modi è questo è mio personalissimo modo di inmaginarlo. David Bowie l’ha definito “Una proto rock star”, mentre per Jean-Paul Sartre è stato “Il primo regista della storia”. È sempre Tintoretto. Continua a leggere