Mascherine! Per il welfare comune e anche alla moda.

Mascherine, un tempo presidio medico, e ora sinonimo di maggiore prudenza con un tocco di moda. È questo il messaggio che Mirabello Carrara® vuole dare ai suoi clienti. Prudenza, ma con stile.

Perché la prudenza non basta mai, ma anche lo stile è cosa bella. Di cosa sto parlando lo potete vedere dalla foto, si tratta di protezioni che servono a limitare lo scambio di droplet tra le persone.

Mascherine per tutti perché proteggersi è un piacere.

Le mascherine alla moda di Mirabello Carrara®

Mai avrei pensato di raccontarvi di mascherine alla moda, ma perché nessuno poteva immaginare che sarebbero diventate così richieste dal mercato da diventare “quasi” una moda. D’altronde una necessità si fa presto a trasformarla, con un tocco di creatività in un trend. E queste protezioni sono veramente necessarie perché d’obbligo in tutti i luoghi pubblici da Decreto Ministeriale dello Stato Italiano nella persona del Premier Giuseppe Conte. Continua a leggere

Feeling Felt | Ovvero il nuovo brand, Made in Italy, che rispetta l’ambiente.

Feeling Felt: è il riciclato e a sua volta riciclabile, è l’amore e il rispetto per l’ambiente, è l’amore per la moda, è l’amore per il design, è l’amore per il gusto estetico, è la manifattura, è l’economia circolare, è il nuovo brand Made in Italy. È Feeling Felt.

FellingFelt zaino blu.

Per realizzare lo zaino, Feeling Felt, della foto servono dieci bottiglie di plastica. Mentre per la custodia di un laptop, ne servono solo sette, ma di cosa vi sto parlando? Di un materiale molto simile al feltro di lana cardata che invece è realizzato con bottiglie di plastica riciclate naturalmente. Un connubio tra la famosa manifattura italiana e i materiali innovativi del terzo millennio. Continua a leggere

RE-USE WITH LOVE. Quando la moda fa bene.

boutique_2430_poster 2

 

RE-USE WITH LOVE. Cioè cosa succede se alcune amiche cominciano a scambiarsi gli abiti smessi dei loro figli e si rendono conto che l’idea funziona?

Ampliano l’iniziativa a chi ne ha maggiormente necessità e aprono, a dicembre 2014, una “Boutique Solidale”  che raccoglie abiti smessi, ma puliti e in ottimo stato, da donare ai cittadini bolognesi particolarmente bisognosi.  Continua a leggere