La mia visita alla 41° edizione di Arte Fiera.

Hyper Planes of Simultaneity by Fabio Giampietro foto © Alan Maglio

Ed anche quest’anno è giunta al termine una bellissima 41° edizione di Arte Fiera Bologna, la più importante d’Italia a livello soprattutto di Gallerie Nazionali.

La prima per il nuovo Direttore Artistico Angela Vettese che ha voluto ridurre il numero delle Gallerie partecipanti, per dare più respiro a quelle selezionate in un’ottica di spazi museali e altra originale idea è stata quella di mescolare l’arte Moderna a quella Contemporanea fino quasi a confonderle.

Continua a leggere

Stefano Benni a Ferrara.

Stefano Benni foto © Claude Truong-Ngoc

Stefano Benni foto © Claude Truong-Ngoc

Stefano Benni a Ferrara per festeggiare i cinquecento anni dalla publicazione dell’ “Orlando Furioso”, invitato dal Gruppo del Tasso organizzatore della manifestazione, di cui vi ho già parlato qui, qui e qui, ha regalato al gremito pubblico della Sala Estense un’ora di scoppiettante cultura intermezzata da sane risate, un ringraziamento va anche al Comune della cittadina Estense e allo sponsor IBS – Il Libraccio.

Continua a leggere

Finalmente pubblicato il “Catalogo ragionato” su Lucio Saffaro.

 

Copertina del "Catalogo Ragionato" su Lucio Saffaro.

Copertina del “Catalogo Ragionato” su Lucio Saffaro.

Tutto comincia da un ritrovamento fortunato di due taccuini originali di Lucio Saffaro nella sua abitazione, in un momento postumo alla sua morte.

Questi preziosi taccuini, ricchi di bozzetti e di appunti, permettono alla Fondazione Lucio Saffaro di “produrre” finalmente un Catalogo Ragionato sul copioso lavoro dell’artista stesso, dal titolo “Lucio Saffaro. Dipinti 1954-1997” – Edizioni Bononia University Press, 2016 – a cura della Storica dell’Arte Gisella Vismara e accompagnato da un saggio critico di Claudio Cerritelli.

Due informazioni su Gisella per poi tornare all’artista Lucio Saffaro.

Gisella è laureata al DAMS di Bologna con una Tesi dal titolo: “Aldo Spoldi e il gruppo dei Nuovi Nuovi” il cui relatore è stato Renato Barilli, lo stesso Storico dell’Arte e Professore che lanciò negli anni ‘80 questa corrente artistica, “Nuovi Nuovi” per l’appunto.

La Storica dell’Arte ha proseguito poi i suoi studi a Milano con un Master all’Accademia di Brera in Comunicazione delle Arti Visive, e qui ha incontrato il Professore Giovanni Maria Accame che stava preparando una Mostra sull’artista Lucio Saffaro e le affida gli apparati critici del catalogo.
Il Master di Gisella e la successiva Abilitazione all’Insegnamento – SSIS in Storia dell’Arte – le hanno permesso di insegnare anche all’Accademia di Brera “Didattica per il Museo” – dal 2006 -, e di effettuare diverse esperienze nel campo della didattica dell’arte, come ad esempio la collaborazione con la “Collezione Maramotti”, famiglia proprietaria Max Mara.

Gisella sostiene che l’arte deve prima di tutto essere “sentita”.

Dopo avervi raccontato Gisella, ed il suo importante lavoro, torno all’artista Lucio Saffaro di cui ha curato il Catalogo Ragionato.

Lucio Saffaro – Trieste, 1929 – Bologna, 1998 – è stato pittore, matematico, si è laureato in Fisica all’Università di Bologna. Molto attratto dai segreti dei numeri e dalle forme geometriche come dalla loro rappresentazione visiva.
In quanto anche letterato e poeta ci ha lasciato numerosi scritti e la sua persona negli anni ’60 era particolare e fuori dal comune, in campo artistico, proprio perché si occupava di discipline molto diverse tra loro.
Ci ha lasciato sparsi in posti disparati sull’intero pianeta, circa duecentosessantatrè tele, delle quali quarantacinque di proprietà della Fondazione Lucio Saffaro. La ricerca delle tele, durata circa sei anni, ha permesso di recuperare le immagini di circa duecentosette quadri, che sono servite a costituire questo importante Catalogo Ragionato. È venuto in aiuto anche il fotografo Claudio Toller che ha restaurato vecchie foto delle opere.
Nel 2014 RAI Storia si era interessata a quest’artista con un documentario per la regia di Giusuè Boetto Cohen, io andai alla presentazione e fu molto interessante tra l’altro.

La Fondazione Lucio Saffaro è stata voluta dall’artista stesso tramite testamento, in quanto non aveva eredi legittimi.

Molti sono gli aneddoti legati a questa lunga ricerca per raccogliere il materiale da parte di Gisella, ma vorrei parlare anche di un’altra novità che riguarda l’artista Saffaro: il Designer Paolo Castelli ha presentato al Salone del Mobile di Milano, durante l’ultima edizione, una Collezione di complementi d’arredo e oggetti ispirati alle opere di Saffaro, denominata appunto “Inspiration”: preziosi tavolini, ceramiche e anche tappeti realizzati artigianalmente.

Per chi fosse interessato, invece, al Catalogo Ragionato, “Lucio Saffaro. Dipinti 1954-1997” a cura di Gisella Vismara, può intervenire alla sua presentazione mercoledì 25 maggio 2016, ore 17 e 30, presso la Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale Via Nazario Sauro, 20/2 a Bologna.

Collezione "Inspiration" di complementi e d'arredo e oggetti disegnati da Paolo Castelli.

Collezione “Inspiration” di complementi d’arredo e oggetti disegnati da Paolo Castelli.

Sito Ufficiale Fondazione Lucio Saffaro

Fan Page Facebook Fondazione Lucio Saffaro

Eugenia Neri