Violenza sulle donne | Davide Pulici mi ha parlato del corto “Souls” e non ho potuto rimanere indifferente.

Violenza sulle donne: Davide Pulici mi parlato del corto “Souls” e non ho potuto rimanere indifferente. Forse perché è strano che un discorso di violenza e sangue a scapito delle donne lo inizi un uomo. Ma Davide non è altro che il portavoce convinto con Nocturno Cinema di un progetto filmico  di cui è anche Media Partner Nocturno Cinema. La “mente” di questo grido d’aiuto per le donne è Marina Loi – attrice, regista e sceneggiatrice -.

L'attrice Marina Loi

Marina Loi ideatrice del progetto filmico.

Il progetto si sviluppa sul ricordo della violenza subita dalla protagonista – Marina Loi – da parte di un violentatore seriale interpretato da Alessandro Sardelli, che per anni ha rapito e violentato belle donne comuni: le cosiddette ragazze della porta accanto.

Il bruto tratta, queste vittime, come schiave come a punirle per colpe di cui in effetti non sono colpevoli. Forse sono solo donne, ecco la loro “colpa”.

Luisanna Ciuti giovane attrice italiana.

Luisanna Ciuti in una scena della prigionia.

Donne sole, ma unite tra di loro nella prigionia, per questo motivo suppongo la “Divina Loi” ha  voluto con forza la realizzazione di questo corto, che tanto corto non è – 26 minuti -. Voluto con forza, e che ha forza, questo progetto filmico per la regia di Michele Digeronimo. 

Ha l’efficacia, il corto “Souls”, della volontà che un’idea femminile, svolta con intelligenza, possa ottenere qualcosa di buono: un’ulteriore voce nel coro della non violenza, che sembra non essere mai abbastanza alto e sufficientemente indignato.

Criminologa Margherita Carlini.

Distesa Elena Ferrantini, dietro Luisanna Ciuti in fondo Margherita Carlini.

Una cosa bella, “Souls”, voluto da Marina Loi che s’indigna e passa all’azione, coinvolgendo interpreti e mezzi tecnici di prim’ordine. E merita che se ne parli, perché non si può tacere della violenza sulle donne che colpisce un enorme numero di vittime: una su tre donne sono un numero immenso, dato che non tutte si salvano e chi si salva dalla morte porta le ferite a vita.

Questo Marina Loi lo ha capito bene, e ora dobbiamo capirlo anche noi.

Il corto “Souls” presentato al “Fantafestival 2018” a Roma ha riscosso notevole successo di critica e di pubblico.

Eugenia Neri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *